News

News (13)

La Lotteria Istantanea degli Scontrini è un'iniziativa promossa dal governo italiano con l'obiettivo di combattere l'evasione fiscale e promuovere l'uso di pagamenti tracciabili. In questo articolo, esamineremo i dettagli relativi alla partecipazione e agli adattamenti richiesti agli esercenti in base alla legislazione vigente.

Come Funziona la Lotteria Istantanea degli Scontrini per gli Acquirenti Possono partecipare alla lotteria istantanea le persone fisiche che soddisfano i seguenti requisiti:

  • Devono essere maggiorenni.
  • Devono risiedere nel territorio italiano.
  • Devono effettuare acquisti di beni o servizi utilizzando esclusivamente metodi di pagamento elettronico e devono evitare l'acquisto nel contesto di attività di impresa, arte o professione presso esercenti che trasmettono i dati telematicamente.

Per partecipare, è sufficiente che lo scontrino:

  • Abbia un valore di almeno 1€.
  • Sia pagato completamente in modo elettronico.
  • Non contenga il Codice Fiscale o la Partita IVA dell'acquirente.

Se questi requisiti sono soddisfatti, il registratore telematico emetterà automaticamente uno scontrino con un codice bidimensionale (tipo QR Code) al momento della stampa. Questo codice deve essere letto tramite l'app Gioco Legale, che è scaricabile dagli app store su smartphone, entro un limite di tempo massimo. Al momento della mia conoscenza, l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato non ha ancora stabilito il limite di tempo entro cui è possibile leggere il codice con l'app.

È importante notare che l'accesso all'app Gioco Legale richiede l'uso del login tramite SPID o CIE.

Inoltre, il pagamento elettronico deve essere coerente con l'acquisto effettuato, ovvero il titolare della carta di pagamento deve essere la stessa persona o appartenere allo stesso nucleo familiare. L'Agenzia delle Entrate condurrà un controllo successivamente all'acquisto in caso di estrazione vincente.

È ancora possibile inserire il proprio codice lotteria personale per partecipare alla "lotteria differita" degli scontrini.

Adattamenti per gli Esercenti Gli esercenti devono adeguare i loro registratori telematici entro il 2 ottobre 2023.

Gli operatori che effettuano tali adattamenti entro il 31 dicembre 2023 avranno diritto a un credito d'imposta pari al 100% della spesa sostenuta, fino a un massimo di 50 euro per ogni registratore telematico adeguato. Questo bonus potrà essere utilizzato in compensazione tramite F24 a partire dalla prima liquidazione periodica dell'IVA successiva alla registrazione della fattura relativa all'adeguamento del registratore telematico, purché il pagamento sia effettuato in modo tracciabile.

Tuttavia, il credito d'imposta non sarà erogato se il plafond residuo dello stanziamento previsto non è sufficiente rispetto all'importo del credito stesso al momento della presentazione della delega F24.

Funzionamento del Registratore Telematico A partire dal 16 ottobre 2023, i registratori telematici con stato "in servizio" contatteranno periodicamente, in orari casuali, il "Sistema Lotteria Istantanea" dell'Agenzia delle Entrate per richiedere un set di 12 codici, ciascuno con validità giornaliera, necessari per cifrare il codice bidimensionale.

Se questi codici di sicurezza non sono disponibili, il registratore telematico continuerà a funzionare normalmente ma non stamperà il nuovo codice bidimensionale alla fine dello scontrino.

Questo sistema permetterà all'Agenzia delle Entrate di gestire in modo autonomo, attraverso risposte dai server, la data di avvio della lotteria istantanea per i consumatori.

 

Causa pandemia Covid-19 e richieste delle associazioni di categoria, l’Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento 228725

del 07/09/2021, ha posticipato al 1° gennaio 2022 la data di utilizzo esclusivo del nuovo tracciato XML 7.0

per l’invio dei corrispettivi e quella di adeguamento dei Registratori Telematici. L’A.E. sta avvisando tramite PEC, tutti gli

esercenti che utilizzano un registratore di cassa telematico, di adeguarsi all’aggiornamento previsto, altrimenti le chiusure

giornaliere trasmesse dopo tale data, verranno scartate dal sistema.

 

Lunedì, 31 Maggio 2021 16:12

Proroga tracciato XML 7.0 corrispettivi

 
 
Con il Provvedimento dell’Agenzia delle entrate n. 83884 del 30 marzo 2021, è stato spostato dal 1° aprile 2021 al 1° ottobre 2021 il termine dell’obbligo per gli esercenti di inviare il file XML dei corrispettivi giornalieri utilizzando esclusivamente il tracciato versione 7.0 e del conseguente termine di adeguamento dei Registratori telematici.
 
 
Nella sostanza vi sarà tempo fino al 1° ottobre 2021 per procedere all’aggiornamento del tracciato con la versione 7.0 del Vostro registratore telematico.

A seguito dell’emergenza epidemiologica da COVID 19 cambia anche la data di avvio della Lotteria degli Scontrini: l’articolo 141 del Decreto Legge n. 34 del 19 maggio 2020 (Decreto Rilancio) ha difatti spostato al 1° gennaio 2021 l’avvio della nuova lotteria.

Logo Lotteria degli scontrini

Giovedì, 30 Luglio 2020 07:36

CORONAVIRUS E I CORRISPETTIVI TELEMATICI

Date le condizioni di obiettiva difficoltà che gli esercenti ed i distributori di registratori telematici si sono trovati ad affrontare, il decreto Rilancio differisce al 1° gennaio 2021 la conclusione della fase transitoria per gli esercenti con volume d’affari inferiore ai 400.000 euro.

Tali operatori economici potranno quindi ancora emettere scontrini e ricevute fino a fine 2020, avendo come solo obbligo la trasmissione mensile dei corrispettivi giornalieri.

Dovranno comunque attivarsi per adottare entro il 1° gennaio 2021 uno degli strumenti che consenta loro di adempiere all’obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi: il registratore telematico o la procedura web “Documento Commerciale on line”, disponibile gratuitamente sul portale Fatture e corrispettivi del sito web dell’agenzia delle entrate.

 

Una moratoria di sei mesi sulle sanzioni per chi non si è ancora attrezzato all’invio dei corrispettivi giornalieri per via telematica e un servizio web per memorizzare e trasmettere alle Entrate i dati senza avvalersi dei registratori di cassa ad hoc.